Dall’agenzia pubblicitaria “a tempo indeterminato” alla pasticceria: “La nostra creatività a servizio dei golosi”

fonderia dolci e design
Dalle agenzie creative alla pasticceria, il passo è più breve di quel che si pensi. Camilla Porlezza e Marco Baroni, entrambi 31 anni e un diploma di laurea in Comunicazione Pubblicitaria, hanno deciso di abbandonare i mestieri di copywriter (a Roma, lei) e di art director (a Parigi, lui), i loro contratti a tempo indeterminato, e di lanciarsi tra farine, zucchero e lievito, aprendo Fonderia Dolci&Design, che dal 2012 fonde (è proprio il caso di dirlo) arte pasticcera e creatività. continua a leggere…

“La tessitura? Il mio primo colpo di fulmine”. Tra telai e filati, la storia di una laureata che mescola artigianato, design, autoproduzione

pamphile tessitura

L’amore per la manualità lo ha sempre avuto, e dalla maggiore età ha capito che la sua strada era la tessitura. E così, Giulia Ciuoli, 34enne di Foligno (Perugia), è diventata tessitrice fondando il marchio Pamphile, e nel frattempo si è laureata come Tecnico di Progetto in Tessile (Facoltà di Architettura a Firenze), e ha conseguito un master in Ecodesign & Ecoinnovazione. Una storia che insegna come dedizione e idee chiare siano fondamentali per scegliere i percorsi che permettono di realizzare sogni seguendo le proprie attitudini. continua a leggere…

Artigiani e designer s’incontrano online. Nasce Slowd, piattaforma virtuale che incrocia (e paga) idee creative e mani che le realizzano

slowd

Non solo siti web e non solo profili sui social network. La Rete può essere molto di più, anche – e specialmente – per gli artigiani. Basta una connessione internet, una certa propensione all’online (non occorre mica essere “smanettoni”!): trovare progetti da realizzare e, parallelamente, clienti da accontentare, può essere da oggi ancora più semplice. Il canale per farlo si chiama Slowd, ed è una piattaforma online che nasce proprio per mettere in contatto designer, artigiani e clienti (bypassando le aziende), uno strumento che riduce i passaggi della filiera e promuove il “design a km zero”, avvantaggia gli artigiani migliori legandoli ancor più strettamente alla loro realtà locale, ma contemporaneamente connettendoli a un tessuto ben più ampio, internazionale. E – cosa non da poco – consentendo ai prodotti artigianali ma di design di essere realizzati e venduti a basso prezzo. continua a leggere…

Cerca

ELISA DI BATTISTA

Giornalista, mi occupo di mondo del lavoro. Mi interesso di social network, comunicazione e marketing digitale. Se vuoi saperne di più clicca su Chi-sono

Diventa Guest Blogger

Vuoi scrivere per LaureatiArtigiani?
Proponi il tuo guest post.

SEGUICI