Quando l’e-commerce fa decollare l’artigianato made in Italy

La storia delle stilografiche di Maurizio, pioniere di eBay

La passione per gli articoli da scrittura, Maurizio Stura, artigiano digitale valdostano di 49 anni, ce l’ha sin da bambino. Penne a sfera, stilografiche, portamine lo affascinano al punto di decidere, da grande, di trasformarli nel proprio mestiere. Nel 1999, infatti, inizia a creare con le proprie mani penne stilografiche in argento e altri materiali pregiati, avviando l’attività Finest Italian Pens, che oggi gestisce insieme alla moglie Nadia.

Maurizio capisce presto che, per potersi affermare in un settore di nicchia e intercettare appassionati e intenditori di tutto il mondo, l’e-commerce non è solo importante, ma fondamentale. E così, sceglie di non avvalersi di alcun negozio fisico, ma avvia  un negozio online su eBay  già nel 1999, aprendo una vetrina sul mondo e gettando le basi per il proprio percorso di artigiano digitale.

“Sul finire degli anni ’90 l’e-commerce era agli albori, eBay mi ha offerto la possibilità di aprire un negozio online e raggiungere clienti in tutto il mondo con un contatto continuo e costante. È proprio dal rapporto con i clienti che possono arrivare spunti per nuove idee e creazioni”, spiega.

La qualità è il cuore del lavoro artigiano di Maurizio, che raggiunge clienti ovunque– dagli Stati Uniti (tra i suoi clienti, anche lo sceneggiatore del film Apollo 13) al Giappone fino all’India – generando il 90% del fatturato proprio tramite l’export, e che grazie al commercio online ha messo da parte forme di promozione offline e tradizionali come le fiere. Una gran parte del fatturato, per Finest Italian Pens, deriva proprio dall’e-commerce e da eBay, che da 23 anni a livello internazionale e 17 a livello italiano svolge il ruolo di acceleratore e vetrina sul mondo per PMI e grandi aziende.

In quasi 20 anni di e-commerce, d’altronde, Maurizio ha potuto osservare evoluzioni e cavalcare trend, confermandosi pioniere del commercio online. eBay ha deciso di celebrare lui e gli altri pionieri dell’eCommerce con la campagna #PionierieBay, che racconta le storie dei primi tra commercianti e artigiani italiani a essersi affidati alla piattaforma che ha segnato il percorso dell’e-commerce. eBay, nata nel 1995, a livello globale conta oggi oltre 171 milioni di acquirenti attivi e 1,1 miliardi di inserzioni presenti sul proprio marketplace. In Italia dal 2001, ha oggi più di 5 milioni di acquirenti attivi e oltre 35mila venditori professionali.

Il motivo di questa crescita rapida ed esponenziale è semplice: la vendita tramite web, oltre a consentire di raggiungere clienti in ogni angolo del mondo, è diventata sempre più semplice, con metodi di pagamento sempre più semplici, mentre lo sviluppo della tecnologia ha reso immediato l’inserimento dei prodotti online, come spiegano i pionieri eBay. “In passato dovevo scannerizzare le mie penne per poterle mostrare ai clienti, oggi invece ogni procedura è estremamente immediata, e grazie a eBay ho potuto superare gli anni della crisi e portare avanti la mia attività”, conferma Maurizio, che tramite il web fa conoscere il Made in Italy oltre confine. Secondo la ricerca “e-commerce in Italia 2018” condotta da Casaleggio Associati, per il 74% delle aziende nostrane puntare sul Made in Italy è una delle leve più rilevanti quando si tratta di promozione e vendite online.

Non solo: secondo i dati presentati al Netcomm Forum a maggio 2018, l’e-commerce vede quest’anno una crescita in Italia del 15%, per un valore di 27 miliardi di euro, ovvero 3,6 miliardi in più rispetto al 2017. Una crescita che, dalla sua nascita un ventennio fa circa, è stata estremamente repentina. Nel 2017, secondo la ricerca eMarketer 2018 (Number of digital buyers worldwide from 2014 to 2021), 1,79 miliardi di persone in tutto il mondo hanno effettuato almeno un acquisto online, e per il 2018 si prevede un aumento dell’8%.

I primi 100 venditori italiani su eBay vengono da Lombardia (24%), Lazio (14%) ed Emilia Romagna (8%), e i maggiori settori in cui operano sono Elettronica (33%), Collezionismo (29%) e Moda (13%).

E anche l’artigianato conosce nuove opportunità grazie all’e-commerce: i prodotti di pregio di Maurizio, infatti, hanno scavalcato da subito i confini nazionali, a dimostrazione di come una buona dose di lungimiranza, insieme all’uso consapevole della tecnologia, siano indispensabili per il successo di un’impresa artigiana.

Lascia un commento