“Da falegname sfrutto le lauree in Ingegneria e Design”. L’esperienza di Marco, che porta il digitale in bottega

caliandrowood

E’ stata una scelta presa in modo naturale, quella di Marco Caliandro, 27 anni e due lauree (in Ingegneria meccanica presso l’università di Padova e in Disegno industriale presso la facoltà di Architettura di Bari), oggi falegname nella bottega di famiglia: Caliandrowood, a San Michele Salentino (Brindisi). Due lauree che potrebbero consentirgli un percorso professionale più “convenzionale”, in azienda, in linea con la propria formazione. Eppure, la passione per il legno è più forte, e Marco applica quanto studiato al mestiere di falegname.

Quando hai deciso di dedicarti alla falegnameria di famiglia?
«Non è stata una scelta una semplice decisione ma un percorso negli anni, da bambino ero sempre con mio padre, affascinato dal suo lavoro, mi ha trasmesso la sua stessa voglia. Ho sempre avuto le idee chiare sul futuro, consapevole che il valore artigianale fosse la chiave di lettura della modernità».

Prima di diventare falegname hai lavorato come ingegnere e o nell’ambito del design industriale?
«Finiti gli studi di Ingegneria ho iniziato a lavorare subito in falegnameria: nonostante qualche offerta di lavoro come ingegnere ho preferito continuare il percorso di studi in Disegno industriale e lavorare nello stesso periodo».

Come hai imparato il mestiere di falegname e quali difficoltà hai incontrato?
«Stare sempre a contatto con mio padre mi ha aiutato a capire molti meccanismi, dalla scelta del legname ai tecnicismi della lavorazione del legno. Purtroppo non c’è un manuale del buon falegname, ma tutto ciò che si fa si impara negli anni osservando il modo di lavorare dei maestri, immagazzinando quante più informazioni possibile».

Le tue lauree ti tornano utili nel mestiere artigiano?
«Entrambe le lauree mi offrono valore aggiunto nel lavoro di ogni giorno. Tra le due è quella in Disegno industriale che mi torna più utile, sia per forma mentis e per bagaglio culturale. Oltre alla tecnicità di progettazione CAD, la laurea in Design mi ha fatto prendere coscienza di come il mestiere dell’artigiano sta cambiando, evolvendosi da operatore del legno a produttore di sogni, perché l’essere artigiano ti permette di spingerti un po’ oltre i confini abituali del design delle grandi aziende».caliandrowood

In che modo stai innovando l’attività artigiana paterna?
«Con il mio ingresso in azienda sta nascendo una mia personale collezione di oggetti frutto della ricerca e sperimentazione sul legno e sul riciclo del legno. Sono oggetti a metà tra arte e design, pezzi unici e super personalizzabili. La mia ricerca è rivolta ad oggetti ibridi dal punto di vista del materiale, lavorando con legni diversi sullo stesso oggetto. Ciò rende personalizzabile qualsiasi prodotto con la possibilità di scegliere il mix di colore come succede ad esempio nella sedia 20|10 a breve in produzione.
Il mio lavoro parte dal concept, dall’ideazione dell’oggetto contemporaneamente alla scelta del materiale, anzi a volte è lo stesso materiale che mi suggerisce la forma dell’oggetto, e poi passa per la progettazione e realizzazione».

Gli strumenti digitali e le nuove tecnologie in che maniera ti sono di supporto?
«La progettazione della maggior parte degli oggetti parte dal disegno CAD e poi viene realizzato con processi artigianali per quelle forme che lo permettono. Le nuove tecnologie saranno il passo successivo delle quali anche un artigiano ormai non può più prescindere».

L’artigianato oggi per te è ripiego o scelta?
«L’artigianato è una scelta dettata dalla passione per questo lavoro. Un lavoro che ti porta ad essere occupato per 10/12 ore al giorno, ma con la consapevolezza alla fine di ogni giorno di aver prodotto qualcosa, e poi non c’è soddisfazione più bella di creare e produrre con le tue mani oggetti che tu stesso hai pensato, immaginato e progettato».

Come ti promuovi?
«La promozione utilizza i canali social più frequenti: Facebook, Instagram e un blog all’interno del sito. Questo permette di affrontare la crisi puntando sull’online e valorizzando la qualità del prodotto, raccontando una storia e un valore dietro ogni oggetto, permettendo di sviluppare un rapporto diretto con il cliente finale che utilizza questi canali per maggiori informazioni o per ordinare i prodotti».

Come ti vedi in futuro? 
«Nel futuro si cercherà di lavorare più sulla internazionalizzazione del prodotto affrontando il mercato estero, più promozione e vendita on line puntando sulla qualità del prodotto e sul made in Italy».

Author: Elisa Di Battista

Giornalista, classe 1982, mi occupo di mondo del lavoro, giovani e artigianato.


Comments: 6

  1. marco ha detto:

    bravissimo interprete dell’invito di Papa Giovanni XXIII
    punto 77 della Mater et Magistra
    “… con animo paterno invitiamo i Nostri carissimi figli artigiani sparsi in tutto il mondo ad essere consapevoli della nobiltà della loro professione, e del loro apporto perché nelle comunità nazionali si mantengano desti il senso della responsabilità e lo spirito di collaborazione, e rimanga acceso l’anelito ad operare con finezza e originalità.”
    Complimenti e auguri di successo

  2. Francesco ha detto:

    questa storia mi piace molto ! si vede una persona in gamba e con le idee chiare !! spero e ti auguro una “falegnameria digitale” di grande successo !!!

  3. Marco ha detto:

    Mi fa molto piacere trovare gente che condivide queste idee

  4. Alessandro ha detto:

    Complimenti Marco, mi piacerebbe entrare in contatto con te. scrivimi
    Ale

  5. vincenzo ha detto:

    Complimenti vivissimi, io sono un obista e realizzo arredo con materiali riciclati. Uno di questi è il pallet. Il progetto è praticamente dedicato al riuso del materiale nel rispetto dell ambiente.
    Complimenti ancora per il tuo progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca

ELISA DI BATTISTA

Giornalista, mi occupo di mondo del lavoro. Mi interesso di social network, comunicazione e marketing digitale. Se vuoi saperne di più clicca su Chi-sono

Newsletter

*Campi obbligatori

Iscrivendoti accetti l'informativa sul trattamento dei dati personali

Diventa Guest Blogger

Vuoi scrivere per LaureatiArtigiani?
Proponi il tuo guest post.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Leggi articolo precedente:
“Come la mia vita è cambiata grazie alle sculture di sapone”. La storia di Michela, che vive il Natale per tre mesi l’anno

Arte, manualità e un sogno: quello di aprire una bottega. Ecco gli ingredienti della storia di Michela Primavera Saggese, 34enne...

Chiudi