Dall’agenzia pubblicitaria “a tempo indeterminato” alla pasticceria: “La nostra creatività a servizio dei golosi”

fonderia dolci e design
Dalle agenzie creative alla pasticceria, il passo è più breve di quel che si pensi. Camilla Porlezza e Marco Baroni, entrambi 31 anni e un diploma di laurea in Comunicazione Pubblicitaria, hanno deciso di abbandonare i mestieri di copywriter (a Roma, lei) e di art director (a Parigi, lui), i loro contratti a tempo indeterminato, e di lanciarsi tra farine, zucchero e lievito, aprendo Fonderia Dolci&Design, che dal 2012 fonde (è proprio il caso di dirlo) arte pasticcera e creatività.

Come mai questa scelta?
«Avevamo scelto il lavoro giusto nel momento sbagliato. I tempi d’oro della pubblicità erano finiti da un pezzo, vedevamo colleghi senior guadagnare 1200 euro al mese dopo anni di lavoro e ci siamo resi conto che era un lavoro da scrivania, da impiegati. Nelle grandi agenzie l’unica cosa creativa rimasta è l’orario.
La pasticceria era un sogno perché siamo entrambi molto golosi e ci sembrava che il dolce, più che il salato, fosse un mondo con cui giocare e lavorare di creatività».

Quali sono le caratteristiche della vostra pasticceria creativa?
«È una pasticceria pop, che segue quello che succede nel mondo delle arti visive e della comunicazione. Se su una torta sta bene il font Bodoni o il Plantin noi lo usiamo. Impaginiamo le torte. Le illustriamo. A volte pensiamo ai dolci come fossero una campagna di comunicazione. Un esempio perfetto sono i nostri Diet Biscuits, dietetici perché ti insultano per non farsi mangiare. Il bello è che il cliente può immaginarsi la torta dei sogni e noi la realizziamo».

Molto simpatici i Diet Biscuits, e interessante vedere come applicate i vostri studi al vostro nuovo mestiere artigiano. Ma come avete imparato l’arte della pasticceria?

Camilla: «Mi sono appassionata nei fine settimana, ritagliandomi del tempo fuori dal lavoro. Ho fatto dei corsi, ho aperto un blog di ricette, ho pasticciato molto a casa».

Marco: «In laboratorio sono lo stagista! Per ora sto imparando la teoria. Prima non sapevo nemmeno la differenza tra ribes e mirtilli… Per il progetto però abbiamo deciso di affiancarci a un pasticcere professionista. Da Fonderia proponiamo i dolci che più ci piacciono da tutto il mondo: qualcosa di anglosassone, molto di francese, alcuni classici italiani».fonderia dolci e design

Oltre alla pasticceria cosa proponete?
«Fonderia è anche uno spazio creativo e di confronto. Siamo aperti a idee e ci piace pensare di collaborare con artisti, designer, musicisti, architetti, ma anche tatuatori. Potrebbero nascere dolci bellissimi».

Quali sono gli step necessari per aprire un laboratorio come il vostro?
L’iter è lungo e insidioso soprattutto per chi, come noi, non è del mestiere. Servono curiosità e determinazione. Ho passato nottate su internet a leggere, fare domande, cercare regolamenti comunali, leggi regionali. Ho passato giornate in fila agli sportelli del commercio di Roma, i cui regolamenti cambiano da quartiere a quartiere. Di base serve un locale a norma, l’autorizzazione ASL, un certificato HACCP e poi si è pronti a partire».

Indicativamente quale investimento è richiesto per partire tra locali, macchinari, burocrazia…?
«Oltre i 100mila. Nel nostro caso ottenuti grazie alle agevolazioni per le Micro Imprese. Per partire bisogna considerare davvero tutto, le mensilità anticipate dell’affitto, eventuali fideiussioni, la farina e le uova per iniziare».

Questa è la vostra attività principale ora?
«Tra comunicazione, vendita al dettaglio, catering ed eventi l’attività è molto impegnativa e non avremmo modo di seguirla solo come hobby. Siamo in 4 persone a lavorarci a tempo pieno: due soci e due pasticciere che abbiamo assunto a tempo indeterminato. Una scelta e un investimento importanti, che racchiudono la nostra ambizione e la nostra voglia di arrivare lontano».

Come vi promuovete tra design, digitale e social?
«Lavoriamo come fossimo in agenzia. Ci diamo dei brief, dedichiamo alcune ore della settimana ai social, trattiamo i fan non da utenti ma da amici. Contest, contenuti speciali e iniziative riservate ai nostri fan sono gli ingredienti principali della nostra comunicazione».

Da “grandi” vi vedete pasticceri?
Marco: «Il mio sogno è dedicarmi al design di vere e proprie collezioni di torte. Curare e progettare ogni singolo dettaglio di ciò che esce dal forno».

Camilla: «Mi piacerebbe moltissimo avere il tempo di chiudermi in laboratorio e imparare il mestiere a fondo. Ma mi piace da matti anche la parte della comunicazione legata al food. L’arredo dei locali, lo styling, la presentazione dei dolci».

«Mettendo da parte le peculiarità e i ruoli, l’obiettivo comune è di creare una piccola eccellenza artigianale unica nel suo genere e di espandere il marchio Fonderia anche a livello internazionale».

Author: Elisa Di Battista

Giornalista, classe 1982, mi occupo di mondo del lavoro, giovani e artigianato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca

ELISA DI BATTISTA

Giornalista, mi occupo di mondo del lavoro. Mi interesso di social network, comunicazione e marketing digitale. Se vuoi saperne di più clicca su Chi-sono

Newsletter

*Campi obbligatori

Iscrivendoti accetti l'informativa sul trattamento dei dati personali

Diventa Guest Blogger

Vuoi scrivere per LaureatiArtigiani?
Proponi il tuo guest post.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Leggi articolo precedente:
Ciclibrianza, come creare la tua bici personalizzata con il Configuratore online

Redazionale - Vi piacerebbe avere una bicicletta unica, rigorosamente a scatto fisso, completamente personalizzata nei componenti, nei dettagli e nei...

Chiudi