Cosmetici naturali, dalle piante officinali della Lucania all’online. La bottega di una biotecnologa

ecocomesicreativa alessandra miraglia

La sua passione per i cosmetici naturali nasce – è il caso di dirlo – davvero nella culla, quando il papà le applicava, ancora in fasce, un’emulsione semplicissima ma efficace a base di acqua e olio per lenire gli arrossamenti da pannolino. Oggi, Alessandra Miraglia, 33enne di Potenza laureata in Biotecnologie Mediche, dei cosmetici naturali ha fatto il proprio mestiere, e accanto a lei il papà l’ha supportata nella messa a punto del laboratorio-negozio di cosmetici naturali, Ecocosmesicreativa, nel cuore del capoluogo lucano.

Alessandra, partiamo dalle origini: come hai iniziato a conoscere i cosmetici naturali?
«L’emulsione di olio e acqua che mio papà applicava quando ero piccola per lenire gli arrossamenti della pelle era ed è il suo cavallo di battaglia, perfetta anche come doposole e su scottature e infiammazioni. Crescendo poi mi ha fatto sperimentare una serie di rimedi naturali, come il latte di fico per le verruche o il mallo di noce per l’abbronzatura. La vera consapevolezza, che si è trasformata subito in passione, è arrivata, però, sfogliando riviste di salute naturale e libri sulle piante officinali che aveva in casa mia zia (sorella di mio padre, evidentemente il gene per i rimedi naturali è presente in famiglia…!) per cui ho iniziato a conoscere ed approfondire lo studio e l’utilizzo degli oli essenziali e a sperimentare, creando così i miei primi rimedi e cosmetici naturali che testavo su di me, sui miei amici e sui miei genitori. Altro che sperimentazione animale: di alcune prove maldestre porto ancora i segni, come una piccola cicatrice sulla gamba, procurata con una scottatura da caramello, a circa 160 gradi, utilizzato come ceretta naturale».

Il corso in Biotecnologie Mediche, ha un legame con questa passione?
«Gli anni universitari mi hanno dato basi solide sui cui appoggiare i miei studi di eco dermatologia, farmacognosia, etnobotanica, le giornate trascorse in biblioteca, i “mille” libri acquistati e quelli che continuo ancora ad acquistare, le passeggiate nei boschi alla scoperta delle piante officinali spontanee, le continue prove per creare formule semplici ma efficaci sono tutti volti a trovare cosmetici naturali e rimedi per preservare in maniera naturale quello splendido ecosistema che è la pelle, la nostra finestra sul mondo, un perfetto organo di senso ed elemento di connessione con il cervello: arrossire o impallidire per un’emozione ne sono un esempio, ma anche provare sensazioni piacevoli attraverso una carezza o un bacio».

Dalla passione al lavoro il passo non è immediato: tu come hai fatto?
«Ecocosmesicreativa nasce circa due anni fa come strumento didattico per insegnare a prepararsi in casa cosmetici naturali semplici ma efficaci, a partire da materie prime accessibili a tutti. Un progetto che mi ha portata a collaborare con numerose associazioni, centri di educazione ambientale e scuole in tutta la Basilicata. Attività supportata anche dal mio blog, sul quale pubblico articoli di eco dermatologia, approfondimenti sulle piante officinali “amiche della pelle” ecc. Tutto ciò, però, senza mai perdere di vista l’obiettivo principale: allestire un vero e proprio laboratorio dove produrre una linea cosmetica tutta mia!».

Come ti sei mossa per aprire il tuo laboratorio artigianale?
«Il mio laboratorio di cosmetici naturali si trova a Potenza, al centro della città, e ha le dimensioni di una bottega. Il “retrobottega” è adibito a vero e proprio laboratorio, mentre nella parte anteriore c’è il mio studio, dove tra una tazza di the e quattro chiacchiere offro consulenze personalizzate su come prendersi cura al meglio della propria pelle».ecocosmesicreativa cosmetici naturali

Chi ti ha aiutata nel tuo progetto imprenditoriale?
«Ecococosmesicreativa si è avvalso di un team di collaboratori d’eccezione tutto familiare: mio padre si è occupato della progettazione, della ristrutturazione e della messa a norma dei locali adibiti a laboratorio, mio cugino della parte amministrativa-contabile, mia cugina della veste grafica e della comunicazione e infine mio marito, insostituibile tuttofare, che mi supporta (e sopporta) in questo progetto».

Quanto costa indicativamente allestire un laboratorio come il tuo?
«L’investimento completo non è ancora quantificabile, il mio laboratorio è dotato di un “allestimento base” e c’è ancora da investire, sia in termini economici che di tempo, sulla promozione dei prodotti, sulla preparazione di nuove linee, senza contare poi che quello della cosmesi è un ambito che richiede aggiornamento e studio continuo».

In che modo la tua laurea rappresenta un plus nel tuo percorso artigiano?
«La mia laurea mi ha dato delle basi solide da cui partire, ma formulare e preparare cosmetici naturali richiede tanto studio e continuo aggiornamento a partire dalle materie prime che si utilizzano, da come interagiscono all’interno di un prodotto cosmetico o sulla pelle».

Raccontaci di più dei tuoi prodotti: dove reperisci le materie prime e cosa produci?
«La mia linea di cosmetici naturali comprende, al momento, tre prodotti per il viso e due per il corpo: Crema viso ristrutturante alle ceramidi, Contorno occhi all’Amamelide, Siero viso-collo, Docciaschima al germe di grano e Crema corpo Mediterranea, cinque nuovi prodotti freschi di laboratorio e da due mesi in commercio! Tutti i miei prodotti sono formulati e realizzati secondo le “5 eco-idee” di Ecocosmesicreativa: artigianalità e innovazione, natura e scienza, ingredienti made in Italy, commercio equo e solidale, rispetto per l’ambiente».

Oggi produrre cosmetici naturali è il tuo principale lavoro?
«Gestire un’attività in proprio è un lavoro che impegna a 360 gradi, spesso si lavora anche nel fine settimana e naturalmente essendo un’attività neonata i guadagni servono per ammortizzare gli investimenti fatti».

Come hai scelto di promuoverti?
«Utilizzo moltissimo i social e il digitale per la promozione dei miei prodotti, sono un mezzo di comunicazione immediato ed efficace. Ecocosmesicreativa nasce “social” con il blog sulla cosmesi naturale e oggi dispone anche di una piattaforma per lo shopping online attraverso il qual vengono distribuiti i miei prodotti».

Progetti futuri?
«Sto lavorando alla creazione delle nuove linee cosmetiche e contemporaneamente porto avanti il progetto educativo didattico sulla cosmesi naturale fai da te che mi piacerebbe “esportare” anche nel resto dell’Italia».

Tagged: , , , , , , , , ,

Comments: 4

  1. Artigianato e fai da te 12/09/2015 at 12:28 Reply

    Bella storia italiana!

  2. unlettore 21/12/2015 at 18:26 Reply

    Dici: “evidentemente il gene per i rimedi naturali è presente in famiglia….”.
    Dico: evidentemente, non solo è presente in famiglia il gene per i rimedi naturali, ma esso
    è anche dominante.
    Auguri e complimenti.

  3. ecocosmesicreativa 04/01/2016 at 15:32 Reply

    Grazie a voi e grazie a Laureati Artigiani! 🙂

  4. […] la rete internet sta amplificando le opportunità che gli artigiani hanno di mettersi in gioco e vendere i loro prodotti anche online. Si possono infatti raggiungere adesso ampi segmenti di pubblico, con una maggiore facilità, […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
Sartoria, aprirne una dopo la laurea in Design (puntando sulla moda etica)

Il suo lavoro artigiano è iniziato con la tesi di laurea. Proprio così, quelle pagine fitte di ricerca e parole......

Chiudi