Il chimico con la passione per il sapone artigianale. “Nel nostro laboratorio si uniscono sapere scientifico e manualità”

lasaponaria sapone artigianale

C’è chi da bambino collezionava macchinine, biglie, figurine. Lui collezionava saponi. Profumati, colorati, buoni. E quella curiosità per il sapone si è trasformata presto in un mestiere, affiancato dalla passione per tutto ciò che è naturale, ecologico, a chilometro zero. Luigi Panaroni, 33enne laureato in Scienze e Tecnologie dei Materiali, ha così creato, insieme a Lucia Genangeli, 28 anni e laureata in Comunicazione e sua compagna di vita, La Saponaria, laboratorio di saponi artigianali, nel cuore di Fano.

Luigi, come sei passato dalla laurea in Scienze e Tecnologie dei Materiali al laboratorio di saponi?
«Dopo la laurea, che è a metà tra Chimica e Fisica, ho lavorato come progettista per impianti fotovoltaici. Intanto in casa insieme a Lucia abbiamo iniziato a produrre il sapone per noi, poi da regalare agli amici, e ci è piaciuto così tanto che abbiamo voluto osare aprire un laboratorio, 7 anni fa, e trasformarlo nel nostro lavoro a tutti gli effetti. Adesso due persone mi aiutano in laboratorio, mentre Lucia, che si occupa di comunicazione, sito e blog, lavora insieme a un’altra ragazza del nostro team».saponi artigianali

Quali difficoltà avete incontrato?
«Tantissime, perché quello della cosmetica è un settore zeppo di normative severe, ancor più di quelle del settore alimentare. Occorrono autorizzazioni sanitarie per i locali, i controlli delle materie prime in ingresso, quelle sui prodotti, oltre alla presenza di un direttore tecnico che certifichi la produzione».

Ma a fare i saponi come avete imparato?
«Le basi di chimica apprese durante l’università sono state fondamentali, la mia formazione è stata indispensabile per avviare questa attività. Poi l’esperienza ha fatto il resto e ora produciamo da noi saponi, creme corpo, shampoo, bagnischiuma. Inoltre ci aggiorniamo costantemente con corsi, seminari, incontri: questo settore è sempre in evoluzione e va seguito».

Qual è la vostra filosofia?
«Il rispetto per sé e per la natura: questo cerchiamo, nulla di complicato. Con i nostri prodotti e i corsi di saponificazione che organizziamo vogliamo anche trasmettere il vivere secondo natura. Oggi ci siamo dimenticati dell’origine del sapone, erroneamente pensiamo “che le saponette nascano al supermercato”, ignoriamo che anche i saponi industriali con la scritta Made in Italy in realtà sono fatti in Indonesia da trucioli di olio di palma, ricompattati, profumati e rivenduti in Italia. Noi, per i nostri saponi, usiamo sempre come base principale l’olio extravergine d’oliva, che garantisce maggiore qualità».

Non ti manca nulla del tuo lavoro precedente?
«Mi affascinava il lato tecnico, e poi era più semplice la vita del dipendente: lavoro certo, stipendio sicuro, fisso. Ora, da imprenditore, non si smette mai di lavorare. Durante il giorno sono in laboratorio, la sera spesso ai Gas (Gruppi d’Acquisto Solidale), nel week end teniamo corsi di saponificazione o seguiamo workshop di aggiornamento, partecipiamo a fiere… Insomma non si finisce mai, ma è la passione a guidarci».

La laurea ti sta tornando utile?
«Moltissimo. Senza, avrei potuto cogliere difficilmente certe sfumature. In azienda conduciamo ricerca interna e ciò viene dalla nostra mente e dalla voglia di sperimentare, ma se non avessi avuto una formazione tecnica tutto questo non sarebbe possibile. Il mio lavoro inoltre coniuga bene mani e testa…».

In che senso?
«Oltre a lavorare in laboratorio, lavoro molto anche al pc: curo i contatti con i clienti via mail, faccio ricerche, elaboro le giuste formulazioni con software e fogli Excel, studio molto su internet e sui manuali tutto ciò che serve per i nostri prodotti. Nel mio lavoro c’è una forte combinazione di mani e testa, di tecnologia e laboratorio, per dare vita a una creatura dall’inizio alla fine, in un ciclo completo. E questo sì che dà soddisfazione!».

Tagged: , , , , , , , , , , , , ,

Comments: 16

  1. […] Clicca qui per leggere l’intervista completa. […]

    • Giuseppe 19/12/2015 at 08:20 Reply

      Ciao ! Bellissimo lavoro, vorrei un consiglio, quale laurea devo avere per produrre cosmetici come creme saponi sieri cose del genere, artigianalmente ? Grazie

  2. Pamela 23/04/2013 at 14:18 Reply

    Laureata in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche nel 2008, dopo una serie di esperienze di lavoro precario (e più vicino ai miei studi che alle mie passioni) mi ritrovo disoccupata e con tanta voglia di approfittare della situazione per poter dare una possibilità ai miei sogni “sostenibili” e creativi… Mi sono imbattuta per caso nella vostra esperienza e mi ha molto colpito vedere come due giovani “coraggiosi” (sta tutto li!) siano riusciti (insieme) a coltivare le loro passioni e a farle diventare un mestiere! Anch’io vorrei realizzare qualcosa di simile nella mia (difficile) città. Qualcosa (ancora non so bene cosa) che mi consenta di non “buttar via” le mie conoscenze e che allo stesso tempo si avvicini di più alle mie passioni (rispetto per l’ambiente, sostenibilità, autoproduzione, decrescita, ect.). Chissà che non mi possiate dare qualche consiglio? Grazie e complimenti. Pamela

  3. Marino 26/12/2013 at 11:59 Reply

    Ho un amico che produce saponi base olio extravergine d’oliva in Puglia, per sè e per amici e ora vorrebbe passare ad una fase industriale. Mi raccontate l’iter che avete dovuto percorrere per impiantare il vostro saponificio? Grazie

  4. Lucia 15/01/2014 at 10:43 Reply

    Ciao Marino, l’iter di apertura di un laboratorio è abbastanza complesso ed è difficile ripercorrerlo velocemente..
    La normativa in ambito cosmetico è molto ampia e in rapida evoluzione (alcuni aggiornamenti recenti, per esempio, hanno un pò rivoluzionato tutto il mondo della produzione, delle analisi e dei certificati su ogni prodotto, delle caratteristiche dei locali, etc..).
    Il consiglio è quello di rivolgervi presso l’ASL locale e/o presso il Ministero della Sanità, enti presso cui dovrete richiedere le varie informazioni e che potranno offrirvi una consulenza puntuale e aggiornata.
    Buona fortuna e buoni saponi 😉

    Lucia (LaSaponaria)

  5. Rita 27/01/2014 at 15:37 Reply

    Ciao, potreste dirmi le date dei vostri corsi e come si svolgeranno? Grazie, rita

    • Elisa Di Battista 03/02/2014 at 12:50 Reply

      ciao Rita
      abbiamo contattato La Saponaria e i ragazzi ci rispondono che per ora, e fino all’estate, non sono previsti corsi. Ti consigliamo di contattarli più avanti per tenerti aggiornata! a presto e grazie 🙂

  6. stefania bizzarro 14/04/2014 at 11:38 Reply

    ciao ragazzi e complimenti, vorrei avviare una attività di produzione di sapone 100 per cento naturale , non colorato nè profumato con solo elementi naturali, produco per la mia famiglia un semplice sapone all’olio d’oliva,( prodotto da me nel mio uliveto) e cenere di legna e vorrei provare a venderlo al pubblico qui a modena, mi potreste aiutare circa gli adempimenti burocratici? a chi posso rivorgermi. che requisiti deve avere il laboratorio?
    vi ringrazio molto dell’attenzione.

    • Lucia 12/01/2016 at 12:16 Reply

      Ciao Stefania, la normativa è in continuo aggiornamento. Ci sono riferimenti europei da seguire e a livello di comune. Sul sito del ministero della salute trovi tutti gli aggiornamenti normativi per aprire un laboratorio!

  7. Lucia 18/04/2014 at 12:46 Reply

    Ciao Stefania,
    gli adempimenti burocratici purtroppo sono tanti sia a livello di certificazione di prodotto, di processo produttivo e di laboratorio e per alcuni aspetti variano da zona a zona e a seconda della produzione che si mette in atto (qui in Italia per chi fa produzioni piccoline la vita è dura!!) perciò ci è molto difficile darti un aiuto a distanza..
    In ogni caso puoi trovare info dettagliate sul sito del ministero della salute nella sezione dedicata ai cosmetici e poi magari potresti rivolegerti alla tua usl locale! Buoni saponi 😉

  8. Paola 29/05/2014 at 16:19 Reply

    Ciao, sono laureata in chimica e tecnologie farmaceutiche, e da 7 anni lavoro come farmacista. Vorrei aprire un laboratorio di produzione e vendita di creme biologiche, senza la spazzatura che normalmente si trova nelle creme griffate. Vorrei sapere quali autorizzazioni occorrono e quanto tempo bisogna aspettare per averle. Grazie mille

  9. Andrea 28/05/2015 at 22:41 Reply

    Salve, sono una ragazza laureanda (a luglio) in scienza dei materiali. Volevo chiedere, in base alla mia attuale esperienza di laboratorio, se è sufficiente una laurea triennale in ambito chimico per dedicarsi a questa attività. Non so rendermi conto quanto sia difficile gestire un laboratorio appena usciti da una semplice triennale. Vorrei togliermi questo dubbio/incertezza chiedendo a chi, come me, è laureato in una facoltà tra fisica e chimica.
    Grazie!

  10. rafael pena 29/05/2015 at 17:06 Reply

    salve: sono rafael vorrei sapere piu di voi grazie

  11. Moira 29/06/2015 at 09:45 Reply

    Grazie per esserci! È possibile visitare il vostro laboratorio dal vivo? Sono molto interessata all’attività, faccio il sapone da quattro anni…avrei bisogno di vedere quali macchinari dovrei comperare..grazie ancora

    • Lucia 12/01/2016 at 12:13 Reply

      Buongiorno Moira, abbiamo organizzato eventi qui in laboratorio, con attività pratiche e visite aziendali. Per sapere le date dei prossimi incontri ti consiglio di iscriverti alla nostra newsletter tramite il sito http://www.lasaponaria.it o di seguirci sulla nostra pagina Facebook!

  12. Jessica 12/01/2016 at 18:18 Reply

    Buonasera…sono una ragazza appassionata al mondo delle piante…
    dalla raccolta/trasformazione/prodotto finale; inoltre sto studiando manuali di fiori ed erbe..libri su preparazioni di oli..creme..profumi e sulla loro composizione.
    .in futuro vorrei poter lavorare x un azienda che produce oli..creme o cosmetici naturali ..secondo la vostra esperienza nel settore potrebbe bastare un diploma in tecniche erboristiche o sono costretta ad intraprendere la triennale in tecniche erboristiche??
    grazie dell’attenzione….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri articoli in Cosmetica, Interviste (59 di 79 articoli)