La digitalizzazione come punto d’incontro tra mondo artigiano e laureati. Intervista alla sociologa Ivana Pais

ivanapais

Ivana Pais è una giovane sociologa che studia il mondo del lavoro e lo incrocia con quello della Rete, occupandosi di professionisti del digitale ma anche dell’importanza del recupero dei mestieri di una volta. Attualmente è al lavoro su un progetto dell’Università Cattolica di Milano che mette in contatto gli studenti della Facoltà di Economia con il mondo dell’artigianato, e di cui presto conosceremo i dati e le osservazioni che ne emergeranno. Intanto, le abbiamo chiesto come vede la situazione dell’artigianato oggi e il rapporto con il mondo dell’università e dei laureati.

Stiamo assistendo a un recupero, anche se timido, dell’artigianato. Cosa ne pensi?
«Oggi è un momento d’oro per una rivalutazione sociale dei mestieri artigiani, e penso che se si riesce a rivalutare il mestiere facendo leva tra artigianato e digitale, possiamo parlare di miracolo. Sta proprio cambiando il valore culturale del mestiere artigiano,anche se non ancora a livello di numeri: il movimento di nicchia dei makers, ad esempio, è molto interessante ma non ancora numericamente consistente, e i cambiamenti culturali da noi sono piuttosto lenti».

Come vedi il rapporto tra laureati e artigianato?
«Il punto di contatto è la digitalizzazione delle botteghe, che può essere introdotta dai laureati. Bisogna fare un’operazione di legittimazione che favorisca l’inserimento del laureato in bottega, in quanto solitamente un artigiano non è abituato a vedere laureati al lavoro per digitalizzare l’attività legata al proprio mestiere».

Che cosa porta la digitalizzazione nel mondo artigiano?
«Oggi c’è molto bisogno di contaminazione e sinergie. La digitalizzazione è un canale che permette dinamiche aziendali diverse perché va a cambiare tutto, e serve un laureato per tenere in piedi una strategia di internazionalizzazione».

Di Ivana Pais segnaliamo i libri La rete che lavora. Mestieri e professioni nell’era digitale (Egea, 2012) e Acrobati nella rete. I lavoratori di internet tra euforia e disillusione (Franco Angeli, 2003).

Author: Elisa Di Battista

Giornalista, classe 1982, mi occupo di mondo del lavoro, giovani e artigianato.


Comments: 2

  1. Elisa Di Battista ha detto:

    Grazie mille per aver ripreso la nostra intervista!! Speriamo piaccia anche ai vostri lettori e attendiamo, se vi va, consigli e pareri… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cerca

ELISA DI BATTISTA

Giornalista, mi occupo di mondo del lavoro. Mi interesso di social network, comunicazione e marketing digitale. Se vuoi saperne di più clicca su Chi-sono

Newsletter

*Campi obbligatori

Iscrivendoti accetti l'informativa sul trattamento dei dati personali

Diventa Guest Blogger

Vuoi scrivere per LaureatiArtigiani?
Proponi il tuo guest post.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Leggi articolo precedente:
L’ingegnere che fa il calzolaio: “Ho rubato il mestiere a mio nonno guardandolo lavorare, ora è il mio futuro”

Il suo percorso è sicuramente atipico, di quelli che non ti aspetteresti. Lui si chiama Sergio Dell’Aglio, ha 28 anni...

Chiudi